Home page Aci PaviaAutomobile Club PaviaHome page Aci Pavia
Revisioni 2014

 

Home page
Ricerca
Mappa del sito


Novità
Tessere soci
Bollo auto
Mobilità in Provincia
I nostri servizi
Sede provinciale
Delegazioni
Sara assicurazioni
Links utili
Sport - Csai
Revisioni 2014
Amm. trasparente

 

 

 

 

 

    

Qui potete trovare e l'elenco delle officine : una vasta e capillare rete di assistenza anche per i check-up pre-revisione.

 

Modalità di revisione periodica di autoveicoli motocicli e ciclomotori per l’anno 2014

Informazioni utili

il mese entro cui eseguire la revisione è quello corrispondente al mese di rilascio della carta di circolazione; ciò non esclude però che la revisione possa essere eseguita anche prima di quel termine;
per stabilire se il veicolo è soggetto alla revisione occorre tenere conto dell’anno di prima immatricolazione in Italia, che, in caso di veicoli reimmatricolati (ritargati) probabilmente non coincide con l’anno di emissione della carta di circolazione attuale; l’anno di emissione della carta di circolazione originaria è comunque indicato sulla carta di circolazione attuale;
per i veicoli che devono rinnovare la revisione, il mese di riferimento è quello in cui è stata effettuata la revisione precedente;
le autovetture ad uso privato, gli autocaravan, gli autocarri fino a 3,5 tonnellate, non possono più circolare oltre il termine stabilito per la revisione qualora questa non sia stata eseguita nel termine stesso, anche nel caso in cui sia stata effettuata la prenotazione nei termini.
il "bollino blu" (controllo obbligatorio dei gas di scarico dei veicoli) è effettuato esclusivamente al momento della revisione obbligatoria del mezzo.

   Qui di seguito elenchiamo, sinteticamente, i controlli espressamente previsti dal D.M. 408 del 6/8/1998, che si effettueranno in sede di revisione:

  1. Stato meccanico, funzionamento dei freni e relativo impianto frenante

  2. Efficienza e sicurezza sterzo e volante

  3. Campo di visibilità conducente

  4. Luci e impianto elettrico

  5. Assi, ruote, pneumatici e sospensioni

  6. Telaio ed elementi fissi del telaio

  7. Equipaggiamenti del veicolo (cinture di sicurezza, triangolo, ecc.)

  8. Inquinamento acustico ed atmosferico

  9. Identificazione del veicolo (numero di telaio, targhetta identificativa del costruttore, targa).

   Dopo l'ispezione si potrebbero verificare i seguenti esiti:

  1. "REGOLARE": il veicolo sarà idoneo a circolare fino alla prossima scadenza

  2. "RIPETERE": al veicolo sarà consentita la circolazione per un mese sempre che si sia provveduto al ripristino dello stesso, poi dovrà essere nuovamente sottoposto a revisione previa presentazione di una nuova istanza di prenotazione; se il motivo del "RIPETERE" riguarda: assi, freni, sterzo e sospensioni per circolare è necessario che a bordo del veicolo ci sia la dichiarazione di un'Officina che certifichi gli interventi eseguiti, con l'indicazione che gli stessi sono stati effettuati "a regola d'arte".

  3. "SOSPESO": il veicolo verrà sospeso dalla circolazione sino a nuova visita con esito "REGOLARE", quando i difetti riscontrati saranno tali da compromettere la sicurezza della circolazione o tali da determinare inquinamento acustico ed atmosferico. In questo caso l'utente potrà condurre il giorno stesso della revisione il veicolo in officina e riportarlo presso il centro operativo presso il quale si svolgerà la nuova visita.

   Documentazione da presentare il giorno della revisione

  1. Modulo di prenotazione MC2100 sottoscritto dal proprietario ed i relativi versamenti (solo in caso di revisione effettuata presso uno dei centri del MInistero delle Infrastrutture e dei Trasporti)

  2. Carta di circolazione del veicolo in originale

  3. Se si presenta persona diversa dal proprietario esibire una delega ad effettuare la revisione con fotocopia di un documento di identità del proprietario

  4. Per i veicoli intestati a Società occorre esibire fotocopia del certificato rilasciato dalla C.C.I.A.A. per individuare il nome del legale rappresentante oppure dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con allegata fotocopia documento di riconoscimento del dichiarante, ed eventuale delega

  5. Per veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, esibire attestazione dell'avvenuta revisione annuale del cronotachigrafo

  6. Per i veicoli muniti di titoli autorizzativi (taxi, noleggio con conducente, trasporto merci in conto proprio) esibire titoli autorizzativi o licenza in originale

  7. Per autobus adibiti al servizio pubblico di linea esibire la conferma annuale del titolo autorizzativo rilasciata dall'Amministrazione Provinciale; per autobus immatricolati per uso proprio dovrà essere esibito l'attestato di permanenza dei requisiti all'immatricolazione rilasciato dall'U.P. che ha rilasciato il titolo autorizzativo

  8. Per i veicoli dotati di alimentazione a GPL o metano occorre certificato bombola

  9. Per i veicoli cisterna per trasporto merci pericolose occorre esibire mod. MC 813 e mod. MC 452

  10. Per veicoli addetti a spurghi pozzi neri occorre l'allegato tecnico revisione cisterna

  11. Per veicoli trasporto merci a temperatura controllata, certificato ATP

Veicoli chiamati alla revisione

tutti i veicoli sottoposti a revisione annuale, e cioè:

a)  autobus ;

b)  autoveicoli (di qualunque categoria) di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate ;

c)  rimorchi di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate   ;

d)  autoveicoli e motoveicoli in servizio di piazza o di noleggio con conducente ;

e)  autoambulanze .

Devono inoltre sostenere la revisione nell’anno 2014 veicoli appartenenti alle seguenti categorie:

f)  autocarri e autoveicoli per uso speciale o per trasporti specifici di cose , aventi massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t e quadricicli a motore immatricolati per la prima volta entro il 31.12.2010, con esclusione di quelli che siano stati sottoposti a visita e prova per l'accertamento dei requisiti di idoneità alla circolazione (art. 75 del Codice della Strada) nel corso del 2013 (ad esempio a seguito di incidente).

g)   autovetture ed autoveicoli per trasporto promiscuo  non compresi nel punto d), autocaravan, immatricolati per la prima volta in un Paese della Comunità entro il 31 dicembre 2010, con esclusione di quelli che siano stati sottoposti a visita e prova per l'accertamento dei requisiti di idoneità alla circolazione (art. 75 del Codice della Strada) nel corso del 2013;

h)   rimorchi di massa complessiva non superiore a 3,5 t , immatricolati per la prima volta entro il 31 dicembre 1997 (*).
Per ora
r (*), con esclusione di quelli che successivamente al 1° gennaio 1999 siano stati sottoposti a visita e prova ai sensi degli articoli 75 o 80 del Codice della Strada.
Tale revisione potrà essere effettuata esclusivamente presso gli uffici provinciali del D.T.T. (con esclusione quindi delle imprese autorizzate).

(*) Saranno possibili variazioni nel corso del 2014: attenzione quindi nei mesi futuri !

Pertanto, i veicoli appartenenti alle categorie di cui alle lettere f) e g) che hanno effettuato la revisione nel 2012 devono nuovamente eseguire la revisione nell’anno 2014; i rimorchi di cui alla lettera h) invece, sono esclusi se hanno effettuato la revisione successivamente al 1 Gennaio 1999.
Alla revisione sono anche obbligati tutti i veicoli che, essendovi tenuti, non hanno eseguito la revisione negli anni precedenti; la loro circolazione è quindi soggetta a sanzione.

Revisione dei motoveicoli, ciclomotori e motocarri

Dal 2004, secondo quanto stabilito dal decreto ministeriale del 29 Novembre 2002, vengono allineate al compimento del quarto anno dall'immatricolazione del mezzo
- a cadenza biennale dopo avere effettuato la prima revisione.

Ne consegue che i veicoli da revisionare nel 2014 sono:

a)  i ciclomotori, compresi i quadricicli leggeri (*) , la cui data di immatricolazione sia compresa tra il 1 Gennaio 2010 ed il 31 dicembre 2010, esclusi quelli che siano stati sottoposti a "visita e prova", per qualunque motivo, nel corso del 2013;
(*) la definizione di quadriciclo leggero è nell'art. 52 del Cds, in nota

b)  i motocicli, le motocarrozzette, i motoveicoli per trasporto promiscuo, i motocarri, i mototrattori, i motoveicoli per trasporti specifici o per uso speciale , immatricolati per la prima volta tra il 1 Gennaio 2010 ed il 31 dicembre 2010, esclusi quelli che siano stati sottoposti a "visita e prova", per qualunque motivo, nel corso del 2013; gli stessi veicoli, se adibiti a servizio da piazza o noleggio con conducente, sono comunque soggetti a revisione annuale.

c)  tutti i veicoli compresi nei punti a) e b) revisionati nel 2012 ,  esclusi quelli che siano stati sottoposti a "visita e prova", per qualunque motivo, nel corso del 2013

La revisione dei motoveicoli potrà essere effettuata presso un Ufficio provinciale della Motorizzazione o presso officine private convenzionate. La prenotazione per una data successiva alle scadenze sopra indicate autorizza la circolazione solo per il giorno in cui deve effettuarsi la revisione. Le sanzioni per omessa revisione sono le stesse, sopra indicate, previste per gli autoveicoli.

Termine di scadenza della revisione
   La prima revisione va eseguita entro lo stesso mese di rilascio della carta di circolazione, mentre il rinnovo di revisione va eseguito entro il mese solare corrispondente a quello in cui fu effettuata la precedente revisione. In entrambi i casi occorre sempre tener presente se il veicolo è compreso fra quelli indicati ai punti a), b), c) d) e) oppure f), g), h).

Dove effettuare la revisione
Per effettuare la revisione periodica ci si può rivolgere al Dipartimento dei Trasporti Terrestri ("Motorizzazione") per qualsiasi tipo di veicolo, mentre per la revisione periodica dei veicoli capaci di contenere al massimo 16 persone compreso il conducente o con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate, ci si può rivolgere sia al Dipartimento dei Trasporti Terrestri sia ad officine convenzionate, la cui lista è disponibile presso gli Uffici Provinciali del Dipartimento e sul sito Internet del Ministero dei Trasporti (http://www.infrastrutturetrasporti.it).

   Ai fini della revisione, può essere effettuata la prenotazione, la quale se è eseguita entro il termine stabilito per la revisione stessa, consente soltanto per i veicoli soggetti a revisione annuale di circolare anche dopo la scadenza del termine e fino al giorno stabilito per la visita e prova.
Tale regola non si applica agli altri veicoli. Si consiglia pertanto di provvedere con congruo anticipo alla prenotazione della revisione, contattando anche più officine autorizzate.

Oggetto della revisione
   Va ricordato ai proprietari dei veicoli di controllare con particolare attenzione, prima della revisione, le seguenti parti inerenti alla sicurezza: freni, ruote, pneumatici, sterzo, sospensioni, trasmissione, luci, segnalatore acustico, tergicristallo, telaio, cinture di sicurezza, triangolo, nonché anche il rispetto dei limiti di emissione allo scarico del motore sia per gli inquinanti che per il rumore, ecc.
    Con circolare del 22 giugno 2000 la Motorizzazione ha affermato l'obbligo di installazione delle cinture di sicurezza anteriori e posteriori per tutte le autovetture immatricolate dopo il 15 giugno 1976 (se sono presenti gli attacchi, anche se ricoperti da elementi interni della carrozzeria).

Sanzioni
L'omessa revisione implica la sanzione amministrativa di € 131,20  nonché il ritiro della carta di circolazione che implica il divieto di circolare eccetto che, logicamente, per recarsi alla revisione (art. 80 del codice della strada). Se la violazione è rilevata in autostrada, è possibile procedere al fermo amministrativo, che implica l’immediato trasferimento del veicolo in un luogo di custodia, determinato dagli agenti verbalizzanti.

Tabella esplicativa

Categoria

Obbligo revisione 2014

Anno immatricolazione

- Ciclomotori
- Motocicli
- Motocarrozzette
- Motocarri, motoveicoli trasporto specifico o altri

2010 - Esclusi quelli già revisionati nel 2013

- Motoveicoli da piazza o noleggio con conducente

Si

Qualunque (la revisione è annuale), eccetto 2014

- Autovetture uso privato
- Autoveicoli trasporto promiscuo persone e cose
- Autocaravan
- Autocarri di massa a pieno carico fino a 3,5 tonnellate
- Autoveicoli uso speciale o trasporto specifico con massa a pieno carico oltre 3,5 tonnellate
- Quadricicli a motore

Si

2010 - Esclusi quelli già revisionati nel 2013

- Autoveicoli da piazza o noleggio con conducente
- Autoveicoli (autocarri, trattori stradali, uso speciale o trasporto specifico, mezzi d’opera, autocaravan) di massa a pieno carico oltre 3,5 tonnellate

Si

Qualunque (la revisione è annuale) eccetto 2014

- Rimorchi di massa a pieno carico fino a 3,5 tonnellate (comprese caravan e rimorchi t.a.t.s.)

Possibili variazioni nel corso del 2014 !

Fino al 31/12/1997, esclusi quelli già revisionati nel 1999

- Rimorchi di massa a pieno carico oltre 3,5 tonnellate

Si

Qualunque (la revisione è annuale) eccetto 2014

- Carrelli appendice

Si

Insieme con il veicolo dal quale sono trainabili

 

Bollino blu - Controllo gas di scarico degli autoveicoli

   A seguito dell'entrata in vigore del decreto legge n.5/2012Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo” ed in particolare dell'art.11 “Semplificazioni in materia di circolazione stradale, abilitazione alla guida, affidamento del servizio informazioni sul traffico, “bollino blu” e apparecchi di controllo della velocità”, si informa che a partire dall’anno 2012 il controllo obbligatorio dei gas di scarico dei veicoli è effettuato esclusivamente al momento della revisione obbligatoria del mezzo.

   Pertanto è superato quanto disposto dall'art. 17 della legge regionale n. 24/2006 nella parte in cui prevede il controllo obbligatorio annuale dei gas di scarico.